La Sezione bibliotecaria

Nel 1902 venne fondato a Pola il Museo civico cittadino, nel cui edificio il 1.mo gennaio 1903 fu aperta la Biblioteca comunale.

Nello stesso edificio venne istituita nel 1930 la Biblioteca provinciale dell'Istria, sorta dall'unione dei fondi della Biblioteca comunale di Pola, della Biblioteca provinciale di Parenzo e del Consorzio per la «Biblioteca provinciale dell'Istria». Il periodo della seconda guerra mondiale e i due anni postbellici di amministrazione militare alleata comportarono un impoverimento del fondo librario, fondo che nel 1950 andò a far parte dell'allora Biblioteca scientifica. Nel 1967 quest'ultima traslocò dal secondo piano del Museo al vicino edificio scolastico.

Dopo la riapertura del Museo nel 1947, si intraprese la creazione di una nuova biblioteca museale basata, all'inizio, su acquisti e donazioni, finché l'avvio dell'attività editoriale non segnò una svolta. Infatti, una volta che le prime pubblicazioni videro la luce, ebbe inizio anche lo scambio di pubblicazioni specializzate con istituzioni congeneri, accademie e università nel Paese e all'estero, sicché oggi la biblioteca museale mantiene scambi con 382 indirizzi, numero che è in continuo aumento.

Il fondo librario conta più di 40.000 volumi. La maggior parte riguarda fascicoli con 840 titoli di pubblicazioni periodiche.

La biblioteca conserva inoltre vecchi e preziosi volumi attinenti al passato del museo e dell'Istria. È un materiale della massima importanza per la bibliografia archeologica, e una fonte di dati per lo studio del fondo museale non ancora elaborato.

Questi alcuni dei titoli più interessanti:

Atti e Memorie della Società istriana di archeologia e storia patria
L'Archeografo Triestino
Inscriptiones Italiae
Jahrbuch für Altertumskunde
Mitteilungen der K. K. Zentralkommission
J. Lavallet-L. F.Cassas, Voyage pittoresque et historique de l'Istrie et de la Dalmatie ( Paris 1802)
M. Tamaro, Le città e le castella dell'Istria (Parenzo 1802)
P. Kandler , Notizie storiche di Pola ( Parenzo 1876)
B. Benussi, L'Istria sino Augusto (Trieste 1883)
P. Stancovich, Biografia degli uomini distinti dell'Istria (Capodistria 1888)
C. De Franceschi, L'Istria: note storiche (Parenzo 1897).
C. Marchesetti, I castellieri preistorici di Trieste e della Regione Giulia (Trieste 1903)
G. Caprin, L'Istria Nobilissima (Trieste 1905)
A. Gnirs, Istria praeromana (Karlsbad 1925)
B. Schiavuzzi, Il Duomo di Pola (cenni storici) (Pola, 1924)
D. Rismondo, Dignano d'Istria nei ricordi (Ravenna 1937)
Inventario degli oggetti d'arte d'Italia, provincia di Pola (Pola 1935)

Un settore a parte della biblioteca è formato dalla fondazione «Dr. Branko Marušić» con 2.529 unità blibliografiche, istituita in segno di imperitura riconoscenza nei confronti del prof. dott. Branko Marušić (1926-1991), operatore scientifico e per lunghi anni direttore del Museo.

Alla fine del 2001 la Biblioteca si è arricchita di un'altra fondazione, formata da 1.208 unità blibliografiche. Il suo merito va all'operatore scientifico museale prof. Štefan Mlakar (1913-2001), che per testamento ha lasciato le sue opere al museo.

Le addette alla bliblioteca sono:

Adriana Gri Štorga – capo-bibliotecaria
Milena Špigić – aiuto-bibliotecaria

La biblioteca è aperta al pubblico dalle 9 alle 13.
Visite di gruppi non superiori alle 20 persone per volta sono ammesse su preavviso.

 

Per informazioni, consultazioni e richieste rivolgersi a:

Adriana Gri Štorga, capo-bibliotecaria
tel.: 052/351-308
e-mail: adriana(at)ami-pula.hr

© Arheološki muzej Istre 2010. Proizvodnja Ulisys d.o.o. Bazirano na Typo3 CMS sustavu.